In evidenza on line
Escursione
Sabato 26 giugno 2021

La Conca di By


Pubblicato il programma videoconferenze primavera 2021 - vai al programma

Pubblicato il programma escursioni 2021                         ..... Covid-19 permettendo .....


In tempi di Covid-19 possiamo almeno viaggiare in Paesi esotici con la fantasia.
Il nostro socio David Aeschimann ha appena pubblicato il volume
"Flore et végétation de l’île d’El Hierro, Canaries” Editore Rossolis, Bussigny (CH).
14.5 x 21 cm, 256 pagine, costo per l’Italia 30 Euro + spese di spedizione.

Vai alla presentazione del volume e alla cedola per l’ordinazione.


David Aeschimann - Flore et végétation de l’île d’El Hierro, Canaries





Convocazione assemblea d'autunno 2020
Si comunica che il nuovo volume della REVUE VALDOTAINE D’HISTOIRE NATURELLE, relativo al n. 74 del 2020, non potrà al momento essere pubblicato. Si prevede invece di realizzare un volume doppio relativo al 2020-2021 (n. 74 e 75) e concomitante con il cinquantesimo anniversario della rifondazione della SFV avvenuta nel 1971.





PUBBLICAZIONE DIGITALE DI
ANDAR PER SASSI

Francesco Prinetti
Andar per sassi

Le rocce alpine fra natura e cultura
Valle d'Aosta, Canavese, Valsesia
15 itinerari - 28 schede di riconoscimento

Volume realizzato con il contributo e la collaborazione della Société de la Flore Valdôtaine
Musumeci Editore


BULLETIN DELLA SOCIETE DE LA FLORE VALDOTAINE
e
REVUE VALDOTAINE D’HISTOIRE NATURELLE
vai alla pagina di download


Iscrizioni S.F.V.
E' possibile associarsi alla
Société de la Flore Valdôtaine
tramite questo link


Per maggiori informazioni:
Email info@sfv.it
Tel. +39 0165 361089
Fax +39 0165 361089

Orario della segreteria:
il martedì dalle 9 alle 12

La storia del Museo Regionale di Scienze Naturali della Valle d'Aosta, sito nel Castello di Saint-Pierre, è legata a quella del Museo di Storia Naturale realizzato nel 1905 dalla "Société de la Flore valdôtaine" al fine di valorizzare le collezioni botaniche, faunistiche e mineralogiche riguardanti il territorio valdostano, e confluite alla Société come donazioni.

Il materiale, dopo varie vicissitudini, venne sistemato nel 1977 nei locali del Castello di Siant-Pierre. Nel 1985, a seguito di necessari lavori di adeguamento per consentire una migliore collocazione del materiale ostensivo, venne definitivamente aperto al pubblico come Museo Reginale di Scienze Naturali.
Il castello è ubicato sulla sinistra orografica della Dora Baltea e domina da un'altura l'abitato di Saint-Pierre. Costruito verso il 1000, ha subito nel tempo varie trasformazioni d'uso con aggiunta di corpi. Attività costruttiva continua che si protrasse sino al XVII secolo quando il barone Pierre-Léonard Roncas, primo segretario di stato della Savoia, acquista il castello e ne attua l'ampliamento. Nel 1873 gli subentra il barone Emanule Bollati che completa gli ultimi restauri. Dal 1952 il castello è proprietà del Comune di Saint-Pierre.
Il percorso di visita del museo di scienze naturali si snoda in nove sale che illustrano l'ambiente naturale valdostano nei suoi molteplici aspetti: mineralalogia e geologia; climatologia e glaciologia; botanica; ornitologia; entomologia; collezione osteologica del Parco Nazionale del Gran Paradiso (stambecchi e camosci); mammiferi locali; quattro diorami riproducenti ambienti naturali tipici della Valle.


ATTUALMENTE IL MUSEO E' CHIUSO PER INTERVENTI DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO NONCHE' PER RIALLESTIMENTO MUSEOGRAFICO


Indirizzo:
Museo Regionale di Scienze Naturali
Castello di St. Pierre
11010 Saint-Pierre (AO)
Italia

Per maggiori informazioni collegati al link.