I personaggi importanti

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Georges Carrel

(1800-1870)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Edouard Bérard

(1825-1889)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Pierre Chanoux

(1828-1909)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Joseph-Marie Henry
(1870-1947)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Lino Vaccari
(1873-1951)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Pierre-Louis Vescoz

(1840-1925)

Iscrizioni S.F.V.
E' possibile associarsi alla
Société de la Flore Valdôtaine
tramite questo link


Per maggiori informazioni:
Email info@sfv.it
Tel. +39 0165 361089
Fax +39 0165 361089

Orari della segreteria:
il martedì dalle 9 alle 12,
il sabato dalle 9 alle 11.

Click per ingrandire l'immagine Nato a Verrayes il 22 novembre 1840, venne ordinato prete a Torino nel 1866; fu vicario a Cogne, poi a Courmayeur, quindi parroco di Pont-Saint-Martin e, dal 1893, canonico della Cattedrale di Aosta.
Da sempre interessato alle scienze naturali (insegnò questa materia al Seminario di Aosta a partire dal 1895), durante il suo soggiorno a Cogne fondò con il parroco Chamonin e il rettore Jean-Pierre Carrel la Petite Société Alpine de Cogne.
Da questa collaborazione nacque il volume Géographie du pays d'Aoste. Divenne membro dell'Accademia di S. Anselmo e di numerose altre società accademiche. Nel 1884 fu, con il canonico Bérard, tra i promotori della rinascita della Société de la Flore Valdôtaine di cui fu sempre attivissimo membro, tanto che nell'assemblea del 19 gennaio 1905, quando venne ufficialmente costituito il Musée de la Flore Valdôtaine, ne venne nominato per acclamazione “bibliotecario e conservatore”.
Esperto cartografo, Vescoz divenne famoso per i plastici che realizzò, dedicati a Monte Bianco, Monte Rosa, Gran Paradiso, Palestina e Foro romano; il più imponente, un plastico della Valle d'Aosta alla scala 1:40.000, ancora oggi ammirabile presso il Municipio di Aosta, ricevette una medaglia d'oro all'Esposizione universale del Vaticano, nel 1888.
Vescoz è noto anche per la realizzazione, all'inizio del '900, di un arboretum sulle pendici che dominano Verrayes, recentemente risistemato a cura del Corpo Forestale Valdostano e aperto al pubblico. Vescoz morì nel 1925, all'età di 85 anni, lasciando una ricca produzione di pubblicazioni in campo naturalistico e storico.