I personaggi importanti

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Georges Carrel

(1800-1870)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Edouard Bérard

(1825-1889)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Pierre Chanoux

(1828-1909)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Joseph-Marie Henry
(1870-1947)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Lino Vaccari
(1873-1951)

Click per visualizzare la scheda descrittiva
Pierre-Louis Vescoz

(1840-1925)

Iscrizioni S.F.V.
E' possibile associarsi alla
Société de la Flore Valdôtaine
tramite questo link


Per maggiori informazioni:
Email info@sfv.it
Tel. +39 0165 361089
Fax +39 0165 361089

Orari della segreteria:
il martedì dalle 9 alle 12,
il sabato dalle 9 alle 11.

Click per ingrandire l'immagineL'Abate Pierre Chanoux nacque a Champorcher il 3 aprile 1828. Fu ordinato prete nel 1855 e fu dapprima vicario a Châtillon, quindi a Valgrisenche.
Nell'agosto del 1860 fu nominato rettore dell'Ospizio del Piccolo San Bernardo, dove rimase fino alla morte, nel 1909. Durante il suo lungo soggiorno al P.S.Bernardo raggiunse grande fama. Uomo di grande cultura, riceveva con amabilità chiunque transitava per il valico, fossero semplici viandanti, che non di rado salvava dalle tormente invernali, o celebri uomini di scienze che si spingevano fin lassù spesso proprio per conoscere l'abate.
Alpinista e grande conoscitore delle montagne valdostane, Chanoux compì numerose ascensioni, spesso in compagnia degli abati Henry e Gorret. Si interessò di storia e di archeologia, ma soprattutto di scienze naturali, costituendo all'Ospizio una ricca biblioteca. Collaborò con noti geologi come Giordano, Gastaldi e Baretti, installò un osservatorio meteorologico, compiendo precisi rilevamenti per oltre trent'anni. Appassionato di botanica, allestì a sue spese, presso l'Ospizio, un giardino botanico che fu inaugurato il 29 luglio 1897 e che, in suo onore, venne battezzato Chanousia.
Ancora oggi, al Colle del Piccolo San Bernardo, il ricordo di Chanoux è ben vivo, dal giardino botanico, un tempo abbandonato ma oggi ritornato agli antichi splendori, alla cappella eretta tra l'Ospizio e il giardino, che ospita le spoglie dell'abate.